Scisabegledi.

Ho incontrato Giovanna. Ci siamo date appuntamento alle sette vicino alla fontana, in piazza.
Capita che ci si incontri e ci si piaccia, ci si capisca. È come se si sapessero delle cose e quelle che non si sanno si vogliono sapere tutte, all’istante.
A me è capitato con Giovanna. Giovanna è un nome bello che ti riempie le labbra nel dirlo. Lei è bella, ma la guardi e non puoi che pensare a quanto bella deve essere stata qualche anno fa.
Certamente non è felice, ma chi lo è. Ha ritoccato le labbra e ha sbagliato perché credo abbia reso meno triste un sorriso che deve essere stato incredibilmente triste.
Non mi aveva nemmeno riconosciuta. Sfoggiavo capelli da pazza e occhi truccati come non mai. La prima volta che mi ha visto devo esserle sembrata equilibrata, oggi ha capito che le prime impressioni possono tradire. Ci siamo scambiate due baci, uno per guancia. Le sue sono morbide, ma di una temperatura strana. Abbiamo camminato, lei sulle sue scarpe nere, io sulle mie.
Siamo arrivate in quella calle e abbiamo bevuto e abbiamo fatto finta di raccontarci delle cose sconosciute.
Io Giovanna l’avevo capita subito. È bastato guardarle la borsa, che le donne è da quelle che le capisci.

Annunci

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in corpi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

35 risposte a Scisabegledi.

  1. tilladurieux ha detto:

    Sì, la borsa è vero. Spesso è così. Oppure si travisa perchè per un giorno si decide una borsa poco affine a sé.

  2. giacani ha detto:

    Se no perché si direbbe…o la borsa o la vita?

  3. Pavolo ha detto:

    Borsa e Scarpe…
    Cosi si ha certezza di chi si ha davanti 😉

  4. edp ha detto:

    ecco, allora son messa male, se uno mi legge dalla borsa.

  5. ScatenoLaMente ha detto:

    a me, incuriosisce il titolo .. O_o
    ciao, vedo che mi segui, piacere di conoscerti ..

  6. rodixidor ha detto:

    Vero che la borsa parla:
    Grande, capiente, alla Mery Poppins, grande più per compagnia che per utilizzo, coperta di Linus;
    Piccoline e colorata, manica corta, orpello, accessorio , come gli orecchini;
    Zainetto: Io sono una sportiva, informale, mangio cereali e vado in bici o scouter;
    Pelle: radici, classico, una borsa deve esser per sempre.
    Plastica colorata: Bello cambiare spesso, magari sono animalista;
    Lunga pendente, rigida, floscia, squadrata, manica da reggere con la mano dondolante o larga da indossare incollata addosso, ..
    Certo la borsa parla come la donna che la porta, ma da qui a capirla ……………..

  7. ironiaprimaditutto ha detto:

    Io se posso la borsa la lascio a casa, in ogni caso non ho grosse preferenze e ora che ci penso non ho borse tutte mie ne basta una presa dal guardaroba di mia madre.
    Forse ho paura di diventare adulta?
    O sono semplicemente troppo pigra?
    oppure bo!

  8. keirastone ha detto:

    non ci avevo mai pensato! ora che me lo hai fatto notare… 🙂

  9. Nicola Losito ha detto:

    Per fortuna lei camminava nelle sue scarpe e tu nelle tue… 😀
    Nicola

  10. stefaniazan8 ha detto:

    La borsa… la mia seconda casa.
    Forse anche la prima…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...