Segni.

Un letto sfatto è un letto sfatto.
Niente di più falso.
Tu fotografi i letti che sono stati tuoi per una notte. Ne vuoi conservare la memoria. Vuoi la testimonianza che sei sopravvissuto a un altro sonno, a un’altra notte.
Un letto è una bara momentanea, un grembo, un campo di battaglia.
Un letto sfatto porta i segni della tua momentanea morte, del tuo venire al mondo, dei tuoi combattimenti, siano essi al gusto d’amore, di carne divorata o di incubo.
Il mio letto, quello dell’altra notte, quello dove sono quasi morta, era diventato insopportabile. Mi sono alzata presto, nonostante il dolore, nonostante la paura.
Avrei voluto fotografarlo per te. L’avresti visto sfatto e sconvolto. Avresti visto il sangue lasciato dal mio braccio bucato. Avresti visto anche il mio terrore. Avresti visto troppo.
Hai mai osservato i volti delle cameriere ai piani? Sanno più cose di te da quel letto che hai lasciato sfatto, della tua ultima amante che ti ha dormito accanto.

Annunci

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in corpi. Contrassegna il permalink.

44 risposte a Segni.

  1. rodixidor ha detto:

    Triste mettere “mi piace”. Ma mi piace tu possa e sappia raccontarlo di una notte cattiva.

  2. ScatenoLaMente ha detto:

    io non lo sistemo mai … non ne vale la pena! hihihihihiihhi ;D

  3. ludmillarte ha detto:

    è bene sfatare che un letto sfatto è un letto sfatto (bel bel post. mi ha emozionata. brava!)

  4. vetrocolato ha detto:

    Dritta allo stomaco.
    Bella.

  5. elinepal ha detto:

    Molto forte questa immagine. Io ho un ricordo di un letto sfatto che mi perseguita da una vita.

    • menteminima ha detto:

      Ecco, adesso sono troppo curiosa. Se ti chiedessi di raccontarlo?

      • elinepal ha detto:

        avevo dieci anni quando i miei si separarono. per vicende che non mi dilungo a raccontare io e mia sorella, più piccola di me di tre anni, fummo affidate a nostro padre. il distacco da nostra madre fù brusco e totale all’inizio. poi col tempo la potemmo vedere più spesso, fino a che tutti i giorni ci prendeva a scuola e stava con noi il pomeriggio, fino al ritorno di nostro padre, la sera, poi tornava a casa dai nonni.
        un giorno incontrò un uomo e iniziò una relazione nuova. ne fui felice, per lei, ma lui, ingegnere, doveva partire per il sudamerica per lavoro. partì con lui e io continuai a ripetere che ne ero felice, per lei. avevo tredici anni e qualcosa. la prima volta che tornò in Italia, cosa che accadeva due volte l’anno – a natale e in estate – ci venne a prendere e ci portò nel residence dove alloggiava con lui. un residence bellissimo al centro di roma. entrammo nell’appartamentino, ce lo voleva far vedere perché era proprio bellissimo. nella stanza c’era il letto matrimoniale sfatto. non ricordo nulla dell’appartamento se non quelle lenzuola bianche stropicciate. mi hanno colpito come un pugno. ho sentito che mia madre non mi apparteneva più.

    • menteminima ha detto:

      continuo a leggere … paura…

  6. mimi ha detto:

    Fotografarli? A certi potendo avrei dato fuoco.

  7. Fimoart&Fantast ha detto:

    Io amo i letti sfatti… sono letti che hanno vissuto! Il troppo ordine, mi da sempre l’idea di assenza….

  8. Fimoart&Fantast ha detto:

    Io amo i letti sfatti, sono letti che hanno vissuto!! Il troppo ordine, mi da sempre l’idea di assenza…

  9. fimoartandfantasy ha detto:

    Mi piacciono i letti sfatti, sono letti che hanno vissuto! Il troppo ordine, mi da sempre il senso dell’assenza….

  10. newwhitebear ha detto:

    L’inizio è fulminante “un letto sfatto è sfatto”.
    Diamine non ci avevo pensato. Eppure al mattino quando mi sveglio non è mai troppo sfatto. Un po’ mosso, semmai. Forse sto invecchiando

  11. gelsobianco ha detto:

    Queste tue parole hanno segnato me visceralmente, nel modo più vero quindi.
    E dalle viscere l’emozione è giunta in ogni parte di me stessa.
    “Avrei voluto fotografarlo per te. L’avresti visto sfatto e sconvolto…Avresti visto troppo.”
    **Ecco un letto sfatto veramente! Tu hai saputo mostrarlo!**
    Brava davvero, mm!
    gb
    Anche il video colpisce profondo.

  12. menteminima ha detto:

    Grazie gb, spero di non averti fatto male.

  13. amoreplatonico ha detto:

    O rifarli in fretta, per non lasciare più tracce. Come se quel letto fosse la mappa di un tesoro.

  14. Topper ha detto:

    Il letto sa di noi più di quanto possiamo immaginare…

  15. graziaballe ha detto:

    letto e riletto…
    io cmq al letto voglio bene.

  16. massimolegnani ha detto:

    C’e’ poesia qui.
    ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...