Tutte le volte, tutte le volte (meno che una quando che è notte)

La ciclicità mi inquieta, ricercarla mi spaventa.
Sono fioriti i peschi, il grano ha inventato un nuovo verde che non si era mai visto.
Le viole sono ormai sfinite e i bambini hanno smesso di raccogliere margherite.
Nel mio giardino, quello dietro, hanno piantato cinque tigli, mi aspetto grandi cose da loro.
La colza sembra impazzita, un branco disordinato di erbacce disuguali. Ma l’aspetto al varco, non ci saranno sorprese, tra un mese sarà un esercito ordinato di boriose guardie svizzere.
Guardo tutto questo e capisco che è arrivato il momento di cambiare. So però che tra poco sarà estate e avrò da seguire le pesche, le pere, le prugne. Dovrò prendere le coordinate del sole che tramonta tra le canne sulla via del ritorno che ti pare, quasi, di essere in Africa.

Annunci

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in senza regole e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

48 risposte a Tutte le volte, tutte le volte (meno che una quando che è notte)

  1. fimoartandfantasy ha detto:

    Questa è la stagione che preferisco!! Anche se tutti gli anni le piante si risvegliano e sbocciano i fiori, ogni anno vedo qualcosa di diverso nel mio giardino….

  2. rodixidor ha detto:

    Inquieta anche me quest’anno, comincio a pensare che è solo un’illusione, che niente si ripeta, che il tempo concesso sia una provigione ben limitata, che Rino Gaetano suonasse solo belle marcette. Oggi gira così, un sorriso 🙂

  3. Topper ha detto:

    Prima dell’estate, che aspetto anch’io tantissimo, c’è una nuova primavera dietro l’angolo, tutta da scoprire e gustare. E personalmente ho anche un’Africa che mi aspetta e che spero di ritrovare presto.

  4. ehi! auguri?!? oggi? (l’header, dico)
    p.s. la descrizione della colza è poesia. bellissima. bellissima.

  5. gelsobianco ha detto:

    la tua poesia, mia cara, ha l’incanto in sé perché è poesia!
    un abbraccio vero
    un sorriso, anche nei miei occhi, per te
    gb

    • gelsobianco ha detto:

      “Dovrò prendere le coordinate del sole che tramonta tra le canne sulla via del ritorno che ti pare, quasi, di essere in Africa.”
      se qui non c’è poesia… 🙂
      mi piace davvero la tua scrittura!

      cerchiamo sempre di rinnovare noi stessi, mm, perché è ciò che conta di più.
      così, in un certo modo, fermiamo il tempo.
      buone ore
      abbraccio
      gb

  6. Pablo ha detto:

    Perché inquietudine, anzi bisognerebbe essere grati alla ciclicità, almeno a quella della natura. È un riferimento, è il termine di paragone, il segno che marca la differenza fra chi si ferma e chi procede, fra chi rinuncia e chi non si arrende, fra chi invecchia e chi si rinnova, fra chi fotografa letti sfatti e chi il letto lo rifà ogni mattina perché un letto rifatto ogni mattina non sarà mai una bara. Solo una bara rimane sfatta. Per sempre.
    Detto questo però, mi piace la tua scrittura.
    Pablo

  7. Andreataglio ha detto:

    sai già che “la primavera fa lo stesso effetto anche a me.” è reciproco 🙂

  8. graziaballe ha detto:

    la ciclicità aiuta ad assuefarsi alla vita…tuttavia ci sorprende sempre un po.
    un piacevole tranello della natura…
    SX copro la colza ad es come fosse la prima volta! 🙂

  9. newwhitebear ha detto:

    Diamine ma dove vivi? Leggendoti, provo un po’ d’invidia. Tigli, alberi da frutta, campi coltivati.
    E va bene, mi accontento della vista dalla mansarda: un tempo era erba medica, adesso erba sola.

  10. gelsobianco ha detto:

    Ho letto che era il primo compleanno del tuo blog!
    I miei sono auguri in ritardo, ma sinceri.
    Mi piace tanto soffermarmi nel tuo blog, cara mm.
    Grazie.
    Un regalino per te e per il tuo bel blog.
    🙂
    gb

  11. TADS ha detto:

    apperò… menteminima in versione bucolica

    la ciclicità della natura è la metonimia della vita, una “noia” che affascina, nessuna pianta darà mai gli stessi frutti della stagione precedente, nessun fiore è uguale a un altro, nemmeno l’ombra di un albero è sempre la stessa, basta una foglia in più o in meno per cambiarla, o no?

    TADS

  12. melodiestonate ha detto:

    ho letto che lacovi in campagna bè ti invidio…..aspetto con ansia la primavera……buona giornata cara

  13. blogdibarbara ha detto:

    1. Già un anno???? (Sì, l’hanno già detto, ma l’ho pensato anch’io e quindi lo scrivo)
    2. La colza è bellissima.
    3. Rino è immenso (muore giovane chi è caro agli dei).
    4. Io il letto non lo rifaccio mai (e perché dovrei se poi la sera lo devo disfare di nuovo? Doppio lavoro per lo stesso risultato).
    5. Hai ricevuto la mail di risposta alla tua che avevi inviato perché non ti arrivano le mie?

  14. elinepal ha detto:

    l’unica ciclicità che mi da energia e vita è quella della natura che riprende vita a primavera. più invecchio più la terra mi attrae. ma questo sapevo sarebbe successo… lo sapevo già da ragazzina.

  15. gabrowski ha detto:

    A volte scrivi post ancora più belli nei commenti. Minimi.

  16. Erre ha detto:

    Come scrivi bene…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...