Una China, grazie.

Scrivo senza rileggere, con la spavalderia che non ho mai avuto.
Sono solo e triste e sento che il mio stomaco non ne può più.
Credo che butterò tutto alle ortiche ma non ce ne sono ai lati delle strade che percorro.
E allora cercherò un treno regionale per fare meno notizia o una finestra rotta che dia sul cimitero, un’onda ma bassa, una ferrata per dilettanti, un farmaco ma omeopatico, un paio di forbici con le punte arrotondate. Potrei chiedere aiuto a chi fa solo del bene, ma a pensarci, bene, anche chi fa solo del male potrebbe fare al caso mio. Potrei ingoiare le molliche di pane che mia madre toglieva a mio fratello per non farlo soffocare, incrociare gli occhi mentre suonano le campane, asciugare i capelli a piedi nudi o addormentarmi sotto a un albero per ripararmi da temporale.
Perché scrivo questo onestamente non lo so ma senza conoscerne il motivo oggi sento tutta la tristezza del mondo.

ovviamente la canzone non c’entra un fico.

Annunci

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in senza regole, spritz e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Una China, grazie.

  1. Guido Sperandio ha detto:

    Ho capito, sei stufa di quel tipo e lo suicidi.

  2. dorotea ha detto:

    Mi è venuto in mente questo, da Ogni cosa è illuminata di J. S. Foer: “Brod scoprì seicentotredici tristezze, ciascuna assolutamente unica, ciascuna una singola emozione, non più simile a qualunque altra tristezza di quanto fosse simile all’ira, all’estasi, ai sensi di colpa e alla frustrazione. Tristezza dello Specchio. Tristezza degli Uccelli Addomesticati. Tristezza di Esser Triste di fronte a un Genitore. Tristezza dell’Umorismo. Tristezza dell’Amore senza Scioglimento.”

  3. massimolegnani ha detto:

    è un desiderio di autodistruzione che spinge Paolo a scrivere in questo momento. Ma è un desiderio dagli spigoli smussati come le punte di quelle forbici, insomma desiderio di morire, sì, ma appena un poco.
    tenero Paolo, tenera tu,
    ml

  4. rodixidor ha detto:

    Mai scegliere un treno regionale, questa è una cosa che penso da sempre. Te ne andresti senza nemmeno una lacrima di commozione, solo con le maledizioni dei pendolari come omelia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...