Sotto i piedi tuoi, veli di vento e foglie stenderei.

È passato tanto tempo.
Che cosa volete che guarisca il tempo? A me non ha mai guarito nulla, mi ha solo solcato la faccia e irruvidito la voce.
L’ho amata di un amore infantile, profumato e dolce. L’ho desiderata più del natale, ho vegliato notti intere. Ne avevo pieni gli occhi, la sentivo sotto le dita, nelle narici. Per lei sono riuscito ad amare l’inverno e la neve.
La vedevo raramente. Era sposata. Lo ero anche io a quel tempo.
Ci trovavamo in un albergo a metà strada. Le stanze non avevano un numero ma una lettera dell’alfabeto scritta in corsivo maiuscolo sul portachiavi e sulla porta. Forse la “e” era la nostra preferita, ma era la “c” ad avere le finestre con la vista più bella. Immaginavamo mille storie su quelle stanze, di amanti come noi che le animavano e le nutrivano.
Passavamo ore a fare l’amore e a parlare. Alla fine tornavo a casa tramortito, con la sensazione di non averla avuta davvero.
Si chiamava Dora e io mi emozionavo solo a pronunciare il suo nome.

Annunci

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in insonnia, l'assassino, smalto alle unghie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

58 risposte a Sotto i piedi tuoi, veli di vento e foglie stenderei.

  1. Guido Sperandio ha detto:

    E adesso pover’uomo?

    • menteminima ha detto:

      vive felice e contento 🙂

      • Guido Sperandio ha detto:

        Eppure, citando il tempo, risulta dal verbale: “A me non ha mai guarito nulla, mi ha solo solcato la faccia e irruvidito la voce”. Cos’ha da eccepire l’imputata? 🙂

    • menteminima ha detto:

      Signor Giudice, Signori della Corte, a mia discolpa ho da dire che se da un lato avete ragione, la mia risposta è piuttosto superficiale, dall’altro invece ha un senso.
      Spesso faccio dire o pensare cose a Paolo che assumono il ruolo di esorcismo.
      Nulla è finito tra Paolo e quella donna, sta avvenendo tutto ora. Ho solo timore che tutto finisca e io ahimè, ho sempre un pensiero, una vicinanza con la parola “fine”.
      Paolo in questo momento sta immaginando, sta raccontando i fatti come teme, o come sa, andranno a finire.

      • Guido Sperandio ha detto:

        L’accusa prende atto delle dichiarazioni dell’imputata e pur giudicandole pretestuose obiettivamente e quantomeno nebulose nella migliore delle ipotesi, la sopraddetta accusa riterrebbe opportuno un affidamento dell’imputata ai servizi social, se da ciò non derivasse un danno alla collettività notevolmente maggiore rispetto alla pericolosità delirante dei post in questione.
        Alla luce di quanto premesso, l’accusa propone un congruo periodo di libertà vigilata contando sulle capacità di riscatto della signora.

        Nota: si prevedono tempi lunghi per il verdetto finale, la parola ora passando alla difesa… eccetera. eccetera…

    • menteminima ha detto:

      Signor Giudice, potrei difendermi, almeno provarci, ma cone detto più volte Paolo sono io. Sono un omucolo incapace e piuttosto stanco.
      Fate quel che ritenete più giusto.
      Francamente me ne infischio!

    • menteminima ha detto:

      Un attimo, Signor Giudice! Non Le sembra, con rispetto parlando , che la SUA accusa sia alquanto fumosa? Di quale reato è accusata la scrivente? O è forse Paolo l’imputato?

  2. Si chiamava Dora, ed eravate preziosi l’uno per l’altra, e a un certo punto dici “di amanti come noi”, ma potrebbe essere un errore, forse c’era scritto “diamanti come noi”.

    Mi piace leggerti.
    Che si sappia.

  3. giuliagunda ha detto:

    Bello, davvero.
    Breve ma intenso.

    G.

  4. lilasmile ha detto:

    Mi piace l’idea di una persona che per amare stenda delle foglie ai piedi dell’amata e mi piace quello che hai scritto e mi piacciono le camere con vista stupenda e mi piace anche la canzone. Che s’è capito che mi piace?

  5. dorotea ha detto:

    Che strano. Sento queste parole molto vicine alla mia storia del momento, anche se con grandi differenze – tipo che nessuno è sposato! 😀 Quel che fa più strano è che anche lei ha un nome simile al mio.

    Posso suggerirti il video ufficiale di questa canzone? Soltanto perché è tanto pieno di poesia. https://www.youtube.com/watch?v=U9a1C1qXHfM

  6. massimobotturi ha detto:

    …già l’acqua inghiotte il sole…

  7. rodixidor ha detto:

    Sempre emozionante leggerti. I pensieri dorati di Paolo emozionano chiunque il tempo abbia lasciato un solco sulla faccia.

  8. intesomale ha detto:

    Vedi questa cosa, che tu scrivi, menteminima “Immaginavamo mille storie su quelle stanze, di amanti come noi che le animavano e le nutrivano.” è meravigliosa, perché non scrivi “di amanti come noi non ce ne sono,” scrivi che ce ne sono mille e animano stanze. o il mondo, o un pezzetto. Insomma, è bella come le cose belle che piacciono a me. Quelle che se pensano di essere uniche non sentono il bisogno di dirlo, ma solo di viverlo. Un pezzo stupendo. Nulla di troppo, nulla di troppo poco.

  9. massimolegnani ha detto:

    Paolo mi tocca sempre, siamo sintonici
    🙂
    ml

  10. Claire ha detto:

    … sipario. Lacrime.
    Applausi.

    Posso ribloggarti?

  11. swann matassa ha detto:

    mi pare che nel tuo vecchio blog ci fosse qualcosa di più del banco che non un titolo, vero? ammetto di essermi lasciato attrarre dalla canzone, ma il post è molto bello 🙂

    • menteminima ha detto:

      Già il Banco era spesso presente.
      Se ti riferisci alla canzone che ho postato l’ho sentita proprio ieri. Usciva da due altoparlanti posti all’aperto, fuori da un locale in una piazza della mia città. Quel sottofondo rendeva tutto irreale e bellissimo. La gente, la città lo erano e io stessa mi sentivo bellissima.

    • menteminima ha detto:

      Oh quella è magnifica. Tutto l’lp … si dice ancora? lo è.

  12. Papillon1961 ha detto:

    Scusa, stai scrivendo la mia biografia? Dí la verità, stavi in una delle altre stanze, vero? 🙂

  13. Claire ha detto:

    L’ha ribloggato su Camomilla o ginseng?e ha commentato:
    … la delicatezza dei sentimenti …

  14. newwhitebear ha detto:

    Chissà se è stata Dora a lasciarlo per un altro amante. Povero Paolo, abbandonato da tutte le donne.
    Gustoso, tenero e intrigante è questo miniracconto.

  15. tuttotace ha detto:

    Meraviglioso il pezzo, il brano, tutto. Tutto meraviglioso.

  16. graziaballegrazia ha detto:

    Paolo che sa dire così bene quello che vede e ricorda, sembra conosca qualcosa anche di noi..

  17. Volevolaprinz ha detto:

    L’ha ribloggato su Volevolaprinze ha commentato:
    Grazie Menteminima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...