Quinto piano.

Quando noi ci troviamo in quel posto che è come una camera si decompressione abbiamo volti e sorrisi modesti, ma pieni di vigore. I nostri occhi un po’ ci tradiscono, ma evitiamo di mostrarli. Ci vestiamo con cura, seguendo regole che ci siamo tramandati, come in un rito di purificazione.
C’è chi arriva per la prima volta e noi lo accogliamo e lo aiutiamo, pronti ad allacciare maschere e camici con dita sicure, anche se di sicurezze noi certamente non ne abbiamo.
Arriviamo e ci troviamo in quattro o cinque, a volte sei ed è già una folla. Ci salutiamo perché apparteniamo alla stessa famiglia, quella della paura.
Siamo un’umanità che soffre e si interroga e capisce alcune cose e ne tralascia molte perché non hanno più senso.
Quando usciamo smettiamo di respirare, strappiamo gli abiti che abbiamo indossato, liberiamo i capelli, per ultimi i guanti. Poi un po’ prendiamo fiato, giusto un po’ per crederci ancora, anche se non sarà mai più la stessa vita, mai più.

Annunci

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Quinto piano.

  1. tramedipensieri ha detto:

    Crederci ancora. A parole… in realtà ci si adatta .a volte.

    un sorriso
    .marta

  2. pornoscintille ha detto:

    Mi piacerebbe che fosse un brano di fantasia

  3. newwhitebear ha detto:

    Direi che è attuale. Ma tutto lo è in questo momento.
    Felice settimana

  4. Geko Tuttendorf ha detto:

    Non é mai una bella esperienza andare al dentista, non posso che trovarmi concorde.

  5. Vanni ha detto:

    And it’s hard to dance with a devil on your back
    So shake him off, oh woah!
    🙂

  6. massimolegnani ha detto:

    potrebbe essere una seduta di analisi di gruppo, o un laboratorio di teatro o più semplicemente un ritrovo tra amici che condividono qualcosa, magari un segreto.
    ml

  7. gelovit ha detto:

    se può servire ti abbraccio anch’io

  8. gelsobianco ha detto:

    Oh, mia cara.

  9. gigifaggella ha detto:

    Cronache da una sala operatoria?

  10. gialloesse ha detto:

    Il dolore è un lungo corridoio bianco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...