La custodia

La donna che la sa lunga le sta seduta, come ogni volta di fronte, sulla poltrona rossa che la fa sembrare minuscola. È una donna strana, minuscola ed enorme allo stesso tempo, con una voce che sembra uscirle dalle corde del collo per arrivare a quelle di ogni fibra del corpo di chi ascolta.
Quella donna sa di terra e di madre, ma anche di fulmine e battaglia.
Incarna in sé potenza e delicatezza. È come il vento, lieve e feroce, ristoro e dannazione.
Potrebbe sembrare un oracolo, ma non lo è. Non ha verità da offrire, sentenze, categorie.
Va da lei da qualche mese, per mettere un po’ di ordine a certe idee spettinate da alcune storie difficili che le attraversano la vita.
Va da lei, si siede sulla poltrona un po’ scomoda e comincia a raccontare un sacco di storie, un po’ belle, un po’ brutte, un po’ vere, un po’ inventate. Spesso mente, ma so per certo che se partecipasse ai campionati mondiali della menzogna arriverebbe seconda.

Annunci

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a La custodia

  1. newwhitebear ha detto:

    ben tornata dopo un lungo silenzio con un pezzo forte sulla donna bugiarda.

  2. lucilontane ha detto:

    E chi arriverebbe primo? Forse sarebbe una vittoria collettiva…
    io invece vorrei sentirle raccontare le storie quelle belle 😊

  3. Paolo ha detto:

    Bene.
    Prima di tutto un bentornata! (sempre un piacere leggere le tue visioni; ogni volta è come entrare in un sogno)
    Poi grazie per Patrick Watson che sta piacevolmente addolcendo le ore di questa mia giornata inquieta e irascibile.
    Bene confrontarsi con l’oracolo. Specchio. Tarlo. Grillo parlante. Terremoto, terrifico. A tratti risolutore. A tratti irritante, nemico, ostacolo fastidioso.
    Mi piace l’immagine dei pensieri spettinati. In qualche modo definisce un “grado” di incomodo – passami il termine astruso, che fa pendant con la poltrona (di velluto) rossa di cui sopra -, non troppo elevato; in certa misura noto, consapevole. Di chi si sta prendendo cura, che per farlo bisogna pur provare a circoscrivere, definire, e valutare le risorse che si hanno a disposizione per farlo…
    Bene, quindi. Sei tornata. Con parole e musica che sanno di dita leggere fra i capelli. Se non a pettinarli, almeno a toccarli, sentirli, carezzarli amorevolmente.
    E poi le storie, si sa, soprattutto quelle belle, come dice “Luci”, servono anche a questo. Mai rinunciarvi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...