Infanzia

La prima casa che ho abitato era in una zona della mia città chiamata Cipressina. Abitavamo in via Pietro Vecchia, che a me pareva fosse una parola unica, “pietrovecchia”. Forse gli altri dicevano “Abito in via Vecchia”, forse con la v minuscola, a qualificarne l’età. A casa mia no, si diceva “via pietrovecchia”, una parola unica di senso compiuto anche se il senso non lo capivo. Ci sono stata fin poco prima di compiere cinque anni che ho compiuto nella casa nuova. Di quei primi anni ho qualche ricordo. Il più forte riguarda il giardino. Sì, perché a quei tempi i bambini piccoli stavano in giardino, con i fratelli o con i bambini più grandi, con le madri che ogni tanto si affacciavano alla finestra a controllare. Anche io quindi potevo stare in giardino, con mio fratello e gli altri bambini. Non ricordo esattamente quali giochi facessimo, quel che ricordo è il sapore metallico della ringhiera che seguiva la scala che conduceva al portone e il sapore dolce dei fiori del caprifoglio che si arrampicava sulla rete di recinzione del giardino.
Il sapore della mia infanzia tra il gusto di ringhiera e di caprifoglio.

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Infanzia

  1. Tesla Afterburner ha detto:

    Si sa che i bambini assaggiano tutto, anche le ringhiere.

  2. newwhitebear ha detto:

    ricordi nitidi per avere meno di cinque anni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...