Archivio dell'autore: menteminima

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.

Luce Ombra

Io sto nello spazio lasciato tra due parole, nella riga di mezzeria, al purgatorio, tra due materassi quando fai l’amore, nella pausa tra il primo e il secondo, nel tempo tra il lampo e il tuono, tra il tic e … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

Sangue.

La botta fu così dolorosa da provocarle un conato di vomito. Il dolore la faceva sempre vomitare. Ogni centimetro del suo corpo aveva un collegamento diretto con lo stomaco. Come ogni notte si era svegliata intorno alle tre e si … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 12 commenti

La custodia

La donna che la sa lunga le sta seduta, come ogni volta di fronte, sulla poltrona rossa che la fa sembrare minuscola. È una donna strana, minuscola ed enorme allo stesso tempo, con una voce che sembra uscirle dalle corde … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 12 commenti

Per fortuna.

Aveva dei piedi enormi, totalmente fuori misura. Sembrava le avessero messo quelli sbagliati, quelli di un uomo robusto alto due metri. Erano lunghi e larghi. Quando camminava le dita si aprivano quasi a dover conquistare quanto più terreno possibile. Sembrava … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 16 commenti

La nutrice.

Io sono come l’albero, mi faccio il cibo da me. Mi cibo di storie un po’ vere un po’ finte, di parole inventate o che ho immaginato di sentire. Mi sono nutrita senza metterci tutto l’amore necessario e son cresciuta … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 31 commenti

Girardengo.

Ė morto. Morto stecchito. No, non l’ho visto, non ho voluto vederlo. E poi l’idea dell’esposizione del morto è ripugnante, orrenda, una vera e propria barbarie. Ha mangiato come un lupo, come al solito. Quelli che hanno avuto fame davvero … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Sostanze stupefacenti.

Paolo è lontano ormai. Di lui mi è piaciuto tanto. Le sue gambe in modo particolare, in grado come erano di tenere un passo veloce dentro, ma fuori lento e compassato. Lunghe, con le ginocchia grosse da ragazzino scapestrato, ma … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 20 commenti

C’era una volta.

  Molte vite non meriterebbero di essere vissute, ma raccontate sì. Se dovessi raccontare questa storia basterebbero poche parole, più o meno queste: lei era una stupida senza qualità incapace di costruire. Ne combinò di tutti i colori facendo solo … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 23 commenti

Tisana galattogena.

Non era sempre stata cicciona, almeno fuori. Dentro sì. Era stata una bambina magra per poi diventare un’adolescente grassa, una giovane donna magra e ora una donna grassa. Era nata sottopeso ma aveva recuperato pienamente in pochissimo tempo, spinta da … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 14 commenti

Pellegrinaggi necessari.

Sedevo al banco su di uno sgabello alto in acciaio. La barista, quella bella con lo sguardo tagliente, sistemava bicchieri. Ne prendeva uno dal cestello della lavastoviglie, lo lucidava con un panno in modo da togliere ogni macchia d’acqua evitando … Continua a leggere

Pubblicato in insonnia | Contrassegnato | 13 commenti