Archivio dell'autore: menteminima

Informazioni su menteminima

Metto i baffi così non mi riconosco.

Ogni notte

Come ogni notte anche questa notte ho rischiato di morire. Non ho corso alcun rischio in verità, stavo per morire e basta. Quando stai per morire hai paura e sei triste. Solo un pazzo non avrebbe paura di fare un … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

Il canto della sirena

Io là non ci torno. Lo disse e fu silenzio. Chiuse le labbra e per qualche secondo anche gli occhi. Sembrava non respirare. Passarono almeno dieci minuti, poi il silenzio fu rotto. – Non puoi, ormai non ti puoi tirare … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 9 commenti

Trovato nella posta

Ieri il funerale di Amedeo. La chiesa era piena. Parenti e amici, reduci, il tricolore, il berretto da paracadutista sulla bara, due preti rigidi a celebrare senza un minimo di partecipazione – morire a novantacinque anni non è poi un … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 13 commenti

Ode ai miei fianchi

Seduta sul bordo del letto, dal mio lato, osservo i miei fianchi. Posso vederli perché sono piegata e nuda. La schiena è curva per il dolore e sono nuda, come sono nudi i vecchi. Non sono larghi i miei fianchi, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 13 commenti

Settembre.

A settembre succedono sempre tante cose. La soia è diventata quasi rossa e passando accanto all’argine scuoto nuovi fiori, rossi anch’essi, ma di un rosso più sincero. La casa sulla destra, prima del ponte, è quasi conclusa, ma non come … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 24 commenti

Noia

Per me la vita ha a che fare con un una serie alfanumerica assolutamente casuale. Dio ha il sacchetto dei numeri e delle lettere, tu la tua cartella e i tuoi fagioli. Novanta numeri, una ventina di lettere, mica di … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 17 commenti

Continuo a guardare.

Mi girai nella direzione che guardava la voce della donna. Sì, era l’uomo per lei, con tutti i nervi nei posti giusti. Un uomo che le consentiva la battaglia, che la irritava se necessario, a volte la faceva soffrire. Lei … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 23 commenti

Guardo e scrivo.

La prima volta che li ho visti è stata anche l’ultima, l’unica. Prima ho visto lei, mi era sembrata triste. Indossava un gonnellone verde lungo fino ai piedi e una canottiere scura su di un torace magro, quasi ossuto. Sulla … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 34 commenti

Figli delle stelle.

La prima volta che l’ho visto era in mutande e anche io ero poco vestita. Una stupida festa di carnevale ci aveva fatto incontrare. Io scimmiottavo Marlene Dietrich, lui un improbabile uomo in frac che aveva dimenticato i calzoni. Sorrideva … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 13 commenti

La prima volta.

La prima volta che l’ho incontrato ho pensato che sarebbe stata anche l’ultima. La musica che ascoltava in macchina era pessima. Sono molto sensibile, la brutta musica mi irrita. Sono salita nella sua auto, sul sedile accanto al suo. Nel … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 11 commenti