Archivi categoria: l’assassino

Il ricordo che porto di te.

Mi domando se siamo la somma delle braccia che ci hanno stretto oppure degli abbracci che ci sono mancati. Siamo la somma dei nostri desideri o degli appuntamenti mancati? Io non ho cercato altro che abbracci e mi sono accontentato … Continua a leggere

Pubblicato in l'assassino, senza regole | Contrassegnato | 29 commenti

How deep is your love?

Pioveva forte e io non potevo fare altro che aspettare. Non mi piace la pioggia, nemmeno quella agognata dopo giorni di calura. Continuavo a guardare fuori dalla finestra, ma il panorama non cambiava. Non era un temporale, non avrebbe smesso … Continua a leggere

Pubblicato in corpi, l'assassino, love love love, smalto alle unghie | Contrassegnato , , | 38 commenti

Tempo.

Discutevo con Max davanti a un bicchiere di rum al bar dell’albergo dove alloggiava. Lui avrebbe preferito stare all’aperto per fumare un sigaro, ma io temo il freddo e l’altra sera un vento piccante gelava l’aria. Due uomini, rum e … Continua a leggere

Pubblicato in l'assassino | Contrassegnato | 11 commenti

Amo tutto e niente

Sono stato al lago. Ho deciso d’impulso, cinque giorni, da solo. Ho scelto un albergo semplice, poco lontano dal centro, con la piscina. In verità io amo poco le piscine e ancora meno il lago, mi ricordano un sarcofago, una … Continua a leggere

Pubblicato in insonnia, l'assassino | Contrassegnato | 14 commenti

Sweet home Chicago.

Ho fatto una scemenza, una delle più grandi che abbia mai fatto. Qualche settimana fa un vero e proprio diluvio universale mi ha colto di sorpresa mentre passeggiavo in centro. Mi sono dovuto riparare sotto un portico che ospita negozi, … Continua a leggere

Pubblicato in corpi, l'assassino, senza regole | Contrassegnato | 37 commenti

Portarsi avanti.

Perché non si diventa vecchi poco alla volta, si diventa vecchi in un istante, se va bene in una notte. Ti alzi al mattino, ti guardi allo specchio del bagno che conosce ogni tua miseria e vedi un vecchio. Lo … Continua a leggere

Pubblicato in corpi, l'assassino | Contrassegnato | 49 commenti

Di ventotto ce n’è uno.

Ci sposammo a febbraio. Era una giornata luminosa, un vero e proprio regalo. Io arrivai in ritardo, lei stranamente puntuale. Non so perché ma questa notte pensavo al passato e con la memoria cercavo di ricondurre i fatti salienti della … Continua a leggere

Pubblicato in l'assassino, smalto alle unghie, spritz | Contrassegnato , | 29 commenti

Nuovi concetti e strane chimere.

Era una miniera di rame, ora è una specie di albergo. La proprietaria è una donna strana, alta, con i capelli neri e una voce bassa. Ci sono finito per caso, ci sono rimasto tre giorni. Tre giorni di noia, … Continua a leggere

Pubblicato in corpi, insonnia, l'assassino | 109 commenti

Su commissione.

Parigi ė una città del cazzo, non l’ho mai sopportata. Ci sono stato due volte, la seconda in viaggio di nozze con mia moglie, la prima per incontrare proprio mia moglie che però a quel tempo stava con un altro. … Continua a leggere

Pubblicato in l'assassino, senza regole | Contrassegnato , | 22 commenti

A proposito di B.

“Aveva due tatuaggi: uno sulla spalla destra, l’altro sulla sinistra. Erano uguali: un tralcio di rosa che formava un cerchio con al centro una lettera scritta in corsivo. La O stava a destra, la M a sinistra. “Vorrei fare un … Continua a leggere

Pubblicato in l'assassino, senza regole | Contrassegnato | 32 commenti